Gli enti conservatori

APICE – Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale

Descrizione

Il Centro Apice è nato nell’ottobre del 2002 all’interno dell’Università degli Studi di Milano con l’obiettivo di raccogliere, conservare e valorizzare collezioni bibliografiche e archivistiche di fondamentale importanza per lo studio della letteratura, dell’arte e dell’editoria moderna e contemporanea.

Nel suo acronimo, Archivi della Parola, dell’Immagine, e della Comunicazione Editoriale, sono rappresentati ed espressi tutti i mestieri che ruotano attorno al libro, dall’ideazione alla progettazione editoriale, dall’illustrazione alla composizione tipografica, fino alla sua comunicazione e divulgazione.

Da un nucleo iniziale, il patrimonio di Apice è progressivamente aumentato grazie a diverse acquisizioni e donazioni, arrivando a comprendere oggi più di cinquanta fondi archivistici di scrittori, di editori e di imprese collegate all’editoria, collezioni di opere d’arte e di grafica, fotografie, documenti attinenti al mondo della stampa, del giornalismo e della tipografia.

Oltre ai fondi i cui inventari sono già presenti in questo Portale, sono conservati ad Apice anche i seguenti archivi, consultabili da postazione locale:

Fanno da coronamento dei fondi archivistici molte biblioteche d’autore tra le quali quelle di Antonio Porta, di Gabriele Mucchi, di Valentino Bompiani e della omonima casa editrice, la biblioteca Scheiwiller e quella della Stamperia Valdonega; tutti i volumi sono ricercabili nel Catalogo di Ateneo (opac).

Sono conservati inoltre ad Apice fondi librari di particolare pregio – Collezione ‘900 Sergio Reggi e il Fondo Pietro Marengo, anche in versione digitalizzata-, biblioteche specializzate come i fondi Emilio Alfieri, Peter Wick, Antonello Gerbi, Darko Suvin, Marco Vecchia e singolari raccolte di ex libris tra cui i fondi Italo Zetti, Michele Rapisarda e Spartaco Cadioli.

{{LINKS}}
Elenco dei fondi disponibili online
Indirizzo

Via Noto, 6

20141 Milano

 

 

telefono

02 50332051 - 32053 - 32054

Orari

lunedì – venerdì 9:00-17:00

Note

L’accesso alla biblioteca è libero, mentre per consultare gli archivi è richiesta la prenotazione.

 

 

Apice home pageFacebook di Apice

Twitter di ApiceApice in Wikipedia

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente.Aggiorna ora

×